Il farmacista risponde Lun-Ven 9.00/13.30 e 14.30/18.00

Farmacisti Esperti ti guidano
nella scelta del giusto medicinale.

Spedizione in 24/48h
Garantita con corriere espresso.

Hai dubbi su Patologie
o Farmaci? Chiedi aiuto in chat.

Resi sempre veloci e
14 giorni per ripensarci.

News, Approfondimenti e Sconti Riservati. Iscriviti Ora.

Dolori Osteoarticolari

Reazioni infiammatorie a carico delle strutture articolari quali ossa, cartilagini, legamenti e tendini, i dolori osteoarticolari hanno origine da traumi esterni (ad esempio cadute o contusioni), da malattie specifiche o dall’invecchiamento dei tessuti.

Nell’analisi dei dolori osteoarticolari si distinguono le “affezioni intra-articolari” che interessano la cartilagine, le membrana e le capsula sinoviale e tutte le strutture interne alle articolazioni e le “affezioni extra-articolari” che invece riguardano le strutture adiacenti alle articolazioni, quindi tendini, legamenti e fasci muscolari.

Dolore Transitorio e Dolore Cronico

Quando i dolori osteoarticolari derivano da traumi ed affaticamento muscolare, è la “gravità” delle affezioni (strappi, una contratture, distorsioni) a determinare la permanenza dell’infiammazione e della sintomatologia dolorosa transitoria che generalmente si traduce in aumento della temperatura, gonfiore e dolore temporaneo.

Se le patologie osteo-articolari sono invece determinate da malattie o invecchiamento dei tessuti, è più probabile che si determini un dolore cronico-evolutivo e la conseguente comparsa di malattie reumatiche croniche (artrosi, artriti e lombosciatalgie). Tali condizioni mediche sono caratterizzate da dolore intenso e persistente, limitazione importante del movimento e deformazione ossea.

Nonostante i dolori articolari ed ossei possano presentarsi a qualsiasi età, gli individui più giovani sono più predisposti a micro traumi, distorsioni e lussazioni, mentre i soggetti più anziani risentono maggiormente di artrosi e di malattie autoimmuni che alterano l’attività del sistema immunitario colpendo sensibilmente tessuti ed articolazioni.

Sintomatologia legata ai problemi osteoarticolari

Le problematiche osteoarticolari si manifestano attraverso un dolore acuto (più o meno intenso a seconda dei casi) che determina un irrigidimento dell’apparato locomotore ed una più generale difficoltà di movimento.

La schiena, il collo, le spalle  e le gambe, sono le zone del corpo che in linea generale risentono maggiormente delle infiammazioni, ma patologie specifiche e invecchiamento possono determinare la comparsa della sintomatologia dolorosa anche in altre parti del corpo.

Nei soggetti con dolori osteoarticolari i sintomi più frequenti sono:

Gonfiore
Le problematiche osteoarticolari, come molti processi di tipo infiammatorio, possono comportare un accumulo di liquidi nella zona oggetto di infiammazione, determinandone il rigonfiamento.

Arrossamento
L’arrossamento della parte infiammata è una manifestazione che si verifica più frequentemente in caso di artrite reumatoide, artrite gottosa o altre artropatie di carattere cronico.

Febbre
Il dolore articolare e osseo in alcuni casi può causare un aumento della temperatura.

Rigidità dell’apparato locomotore
L’irrigidimento osteoarticolare comporta una difficoltà di movimento. Questo tipo di sintomatologia è assai frequente soprattutto nei casi di condizioni autoimmuni come l’artrite reumatoide.

Dolorabilità muscolare
Artrite e dolori articolari dovuti ad affaticamento da sport possono determinare un dolore temporaneo anche a carico dei muscoli.

Diagnosi dei dolori articolari e ossei

Una diagnosi dei dolori articolari e ossei è importante per poter identificare la causa scatenante e trovare il trattamento più adeguato alla risoluzione della condizione. Per la diagnosi dei dolori osteoarticolari è indispensabile l’anamnesi raccolta dal medico ortopedico sulla base delle informazioni fornite dal paziente e alcuni esami specifici tra cui:

Esami del sangue – Che servono ad escludere alcune patologie come causa dei dolori e a rilevare la presenza di eventuali autoanticorpi indice di patologie autoimmuni.

Radiografie – Mediante i raggi X è possibile controllare lo stato delle articolazioni,  valutare un possibile assottigliamento della cartilagine e appurare l’eventuale presenza di deformità delle ossa.

Densitometria ossea – Con questa tecnica diagnostica viene analizzata la composizione delle ossa in termini di sali minerali. L’indagine è particolarmente utile in caso di osteoporosi (una delle cause del dolore osteoarticolare).

L’APPROFONDIMENTO DEI FARMACISTI DOCBROS

Nel trattamento dei dolori osteoarticolari un ruolo molto importante è dato all’alimentazione che talvolta può contribuire al peggioramento della sintomatologia. Ad esempio, in caso di dolore articolare ed osseo, è opportuno limitare il consumo di carne rossa, uova, formaggi e di tutti i cibi particolarmente ricchi di acido arachidonico di cui sono ricchi alimenti come il latte ed i suoi derivati. con moderazione anche il consumo di alcuni vegetali come melanzane, peperoni e patate ricchi di solanina, una sostanza che favorisce la riacutizzazione del dolore.

Fonti:
AIFA, SIMG, Tutto Sanità


PER I DOLORI OSTEOARTICOLARI I FARMACISTI DOCBROS TI CONSIGLIANO

Visualizzazione di tutti i 28 risultati