Il farmacista risponde Lun-Ven 9.00/13.30 e 14.30/18.00

Farmacisti Esperti ti guidano
nella scelta del giusto medicinale.

Spedizione in 24/48h
Garantita con corriere espresso.

Hai dubbi su Patologie
o Farmaci? Chiedi aiuto in chat.

Resi sempre veloci e
14 giorni per ripensarci.

News, Approfondimenti e Sconti Riservati. Iscriviti Ora.

Eritema Solare

Le ustioni di primo grado sono infiammazioni della pelle causate dall’esposizione ai raggi solari e si caratterizzano per un arrossamento cutaneo seguito da forte bruciore e prurito.
Note anche con il nome di eritema solare, le ustioni si manifestano dopo circa 12 ore dall’esposizione e possono essere di varia entità a seconda di diversi fattori: tipologia dei raggi solari (UVA / VB), durata dell’esposizione al sole, fototipo della pelle.

Eritema e Fototipo della Pelle

Nella comparsa dell’eritema solare e della gravità della sua sintomatologia, un ruolo molto importante è giocato dal fototipo di pelle. Un individuo con carnagione molto chiara (Fototipo I e II) può infatti sviluppare ustioni di primo grado anche con un’esposizione ai raggi del sole di soli 30 minuti.
Le conseguenze di un ustione da raggi solari è variabile da individuo ad individuo. Nelle forme più gravi – in individui con fototipo I e II – l’eritema può evolvere in elastosi solare, ovvero in una condizione che colpisce il connettivo costituente fondamentale del derma causando cheratinizzazione (ispessimento cutaneo) e formazione evidente di rughe sulla pelle.
Negli individui con fototipo III e IV, all’eritema, che dura all’incirca 48 – 72 ore, generalmente segue l’abbronzatura, ossia l’aumento del pigmento melanina e la conseguente colorazione della pelle.

Eritema Solare e sue manifestazioni

Manifestazioni primarie dell’eritema solare sono il rossore e la forte sensazione di calore e bruciore sulla pelle. L’infiammazione ed arrossamento cutaneo sono dovute ad un effetto vasodilatatore che il calore esercita sui vasi sanguigni più superficiali della pelle. Nei casi lievi, l’alterazione cutanea scompare dopo due o tre giorni.
Le ustioni di primo grado possono però verificarsi anche a seguito di un’esposizione solare prolungata nel tempo. Una pelle danneggiata gradualmente dai raggi del sole può essere molto più sensibile e creare il terreno fertile per la comparsa di “flittene”, vescicole con pus che provocano dolore accompagnato da bruciore e prurito intenso.

Le zone del corpo più predisposte ad ustioni di primo grado

Secondo i dermatologi esistono zone del corpo più suscettibili di altre alla comparsa di eritemi solari: Viso, Collo, Regione dorsale, Regione scapolare, Regione mammaria…

L’APPROFONDIMENTO DEI FARMACISTI DOCBROS
Per aiutare la pelle a difendersi dai raggi Uv un’abitudine importante è quella di seguire un’alimentazione corretta almeno 20-30 giorni prima della prima esposizione.

La dieta ideale per proteggere la pelle da eritemi e scottature deve essere ricca di sostanze antiossidanti, vitamina C, vitamina E, zinco, selenio e beta-carotene.

Via libera dunque ad agrumi, broccoli, carote, pomodori, albicocche. peperoni, mandorle, noci e yogurt. In alcuni casi può essere d’aiuto anche l’integrazione con supplementi solari specifici che favoriscono l’apporto delle sostanze benefiche per pelle ed organismo durante l’esposizione solare, proteggendo dal fotoinvecchiamento cutaneo.

Fonti:
Ministero della Salute , Researchgate – Pubblicazione Stefano Manfredini


PER L’ERITEMA I FARMACISTI DOCBROS TI CONSIGLIANO

Visualizzazione di tutti i 23 risultati