Il farmacista risponde Lun-Ven 9.00/13.30 e 14.30/18.00

Farmacisti Esperti ti guidano
nella scelta del giusto medicinale.

Spedizione in 24/48h
Garantita con corriere espresso.

Hai dubbi su Patologie
o Farmaci? Chiedi aiuto in chat.

Resi sempre veloci e
14 giorni per ripensarci.

News, Approfondimenti e Sconti Riservati. Iscriviti Ora.

Prevenzione femminile - esami clinici

Prevenzione al Femminile: gli esami clinici dai 21 ai 35 anni di età



Per l’appuntamento solito con la prevenzione al femminile, i farmacisti di DocBros per il mese di Ottobre si soffermano sugli esami clinici dai 21 ai 35 anni di età.

In questo periodo della propria vita, così come in altri, è importante non sottovalutare i segnali del corpo ed effettuare periodicamente una visita generale dal proprio medico di famiglia al fine di tutelare il proprio stato di salute.

Il medico ha il compito di valutare la situazione generale e porre domande su eventuali sintomi o malesseri per poi consigliare esami clinici o visite specialistiche.

Gli esami clinici per tutelare la salute della donna

Per monitorare lo stato di salute generale è opportuno effettuare un check up completo ed un esame emocromocitometrico, più comunemente chiamato emocromo.

Questo controllo, che dovrebbe essere eseguito in media una volta all’anno, consiste in un semplice prelievo di sangue che viene analizzato in laboratorio. Mediante l’emocromo è possibile determinare la quantità di globuli rossi, bianchi e piastrine, constatare il corretto funzionamento degli organi principali e sfatare la presenza di infezioni o altre problematiche come, ad esempio, l’anemia (mancanza di ferro).

Esami clinici per la salute della donna

Altri esami clinici consigliati per la prevenzione femminile

Per una efficace prevenzione femminile in questa fascia d’età, si consiglia anche il dosaggio del glucosio, utile a misurare la concentrazione di zuccheri nel sangue. Spesso le donne non riescono a seguire con costanza una dieta equilibrata e questo potrebbe causare uno scompenso nella quantità di zuccheri nel sangue. Sia un valore sopra la norma che al di sotto, talvolta, comporta dei problemi o delle patologie tra cui il noto diabete.

Un altro valore da tenere periodicamente sotto controllo è il colesterolo LDL (a bassa densità e noto anche come colesterolo cattivo). La produzione eccessiva di LDL è una condizione particolarmente delicata poiché aumenta il fattore di rischio di malattie cardiovascolari. Il colesterolo HDL (comunemente chiamato colesterolo buono), invece, esercita un effetto protettivo sulle malattie aterosclerotiche ed il suo compito è quello di trasportare il colesterolo dalle zone periferiche verso il fegato.

Ultimo ma non meno importante è il controllo dei trigliceridi, composti lipidici che rappresentano una fonte di energia per l’organismo. Una loro elevata concentrazione nel sangue però predispone allo sviluppo di alcune patologie come le malattie cardiovascolari. Attenzione… l’ipertrigliceridemia, per la maggiorparte delle volte, è asintomatica, quindi solo attraverso un esame specifico è possibile esaminare il livello di trigliceridi nel sangue.

 

La prevenzione femminile gioca un ruolo fondamentale in questa delicata età. Eseguire periodicamente gli esami clinici e le visite suggerite possono concretamente aiutare la tutela della salute della donna.

 

Lascia un commento